Aurora Ramazzotti, compleanno con tante dediche speciali

Aurora Ramazzotti

«È stato un anno strepitoso»: Aurora Ramazzotti non ha dubbi in proposito e saluta così i suoi 21 anni. La primogenita di Michelle Hunziker ed Eros Ramazzotti festeggia il compleanno con un post su Instagram: nello scatto che ha condiviso con i suoi tantissimi follower – ha superato il milione in estate – ha il volto circondato da palloncini colorati e lo sguardo stupito.

Alle sue spalle, dietro una porta a vetri, l’immancabile amica Sara Daniele. I fan hanno fatto gli auguri ad Aurora e per lei non sono mancate tante dediche speciali, dagli affetti più cari. A cominciare proprio da mamma Michelle, che ha scritto a commento di una foto che le ritrae insieme: «Tu sei solare, altruista, onesta, sensibile, piena di talento, divertente, forte, birichina e ogni tanto anche pirlottina. Una sorella maggiore innamorata… una figlia speciale… davvero speciale. Ti amo amore mio Auguri!».

Immancabile, naturalmente, anche il dolce messaggio di papà Eros, che ha scelto invece un video, un collage di tante foto che raccontano momenti diversi della vita di Aurora: «Il tempo vola come se fosse ieri, in un battibaleno sei già a 21 e l’amore si rafforza. Auguri vita mia», ha scritto il cantante.

L’amica del cuore Sara Daniele ha pubblicato proprio la stessa foto che ha condiviso la Ramazzotti, scrivendo: «Auguri sorella mia. Ogni anno che passa sono sempre più fiera di te. Sei sempre avanti agli altri, ed io provo a starti appresso stando al tuo fianco, per sostenerti e proteggerti. Gli anni passano, ma il nostro fancazzismo non passerá mai».

Non poteva non esserci anche un messaggio da parte del fidanzato di Aurora Ramazzotti, Goffredo Cerza, che ha scelto poche, significative parole: «Tanti auguri amore mio», ha scritto, con una romantica foto di coppia con tanto di bacio. Altrettanto semplice e significativa la risposta della festeggiata: «Sei la mia vita».

Aurora Ramazzotti è nata dal matrimonio tra Michelle Hunziker ed Eros Ramazzotti. La conduttrice e il cantante sono stati sposati dal 1998 al 2009 e, dopo il divorzio, si sono entrambi risposati: Michelle con Tomaso Trussardi, dal quale ha avuto due bimbe (Sole e Celeste), Eros con Marika Pellegrinelli, dalla quale ha avuto un bimbo e una bimba (Gabrio Tullio e Raffaela Maria).

Il Festival di Sanremo contro Molestopoli

Michelle Hunziker

Michelle Hunziker al Festival di Sanremo? Sembra proprio che sarà la showgirl svizzera ad affiancare Claudio Baglioni nella prossima edizione del Festival, dal 7 all’11 febbraio 2018. Nei giorni scorsi il suo nome è circolato con prepotenza, accostato a quello del direttore artistico e conduttore che ancora non ha sciolto le riserve su chi sarà con lui sul palco del Teatro Ariston. Da sola o in tandem con altri nomi grossi (si parla di Ilaria D’Amico), potrebbe essere proprio Michelle ad “aiutare” il cantautore romano all’Ariston.

La sua positività sarebbe anche una bella boccata di aria pulita per il mondo dello spettacolo, che ne ha un gran bisogno dopo lo scandalo di Molestopoli. «Sei sempre stata brava, una delle poche star dello spettacolo che si sia conquistata con impegno il trono. Tu piacevi e piaci a chiunque, maschi femmine, vecchi e bambini, sei una specie di fi danzata d’Italia», le ha scritto Vittorio Feltri, direttore del quotidiano Libero. Nessuna più di lei sembra adatta a ricoprire il ruolo di primadonna nell’evento televisivo più importante dell’anno. Per lei, quello al Festival non sarebbe un debutto: nel 2007 era su quel palco con Pippo Baudo. «Il Festival è la festa più bella d’Italia», ha detto al Maurizio Costanzo Show giorni fa. Aggiungendo: «Se me lo chiedessero, lo farei». Il pubblico lo spera e Baglioni non è uomo sordo ai desideri del pubblico. Michelle è un esempio per tutte le donne vittime di abusi, molestie e violenze. Insieme all’avvocato Giulia Bongiorno ha fondato la Onlus Doppia Difesa, che offre sostegno psicologico e giuridico a chi subisce discriminazioni, sorprusi, maltrattamenti e stalking.

La Bongiorno è anche avvocato della modella Alessandra Giulia Bassi, una delle prime accusatrici del regista Fausto Brizzi. «Sono felice che fi nalmente le donne abbiano iniziato a  fare squadra» ha detto la Hunziker commentando la vicenda. «Il fatto che alcune attrici si siano esposte pesantemente, rendendosi anche attaccabili, lo apprezzo e le ammiro molto». Anche Michelle si è esposta, raccontando le sue esperienze più difficili, come quella che l’ha vista per anni vittima di uno stalker e prima ancora in balia di una setta. Lo ha raccontato nella sua autobiografia “Una vita apparentemente perfetta” (Mondadori), dove ricorda anche chi l’aiutò a uscire dal suo periodo più nero. «NessunO mi disse mai esplicitamente: “Esci da quella setta”. Ricordo la delicatezza con cui Enzo Biagi riuscì a introdurre argomenti più profondi, per arrivare a darmi consigli saggi, guardandomi negli occhi. Una sua frase ha fatto la differenza: “Ricordati di non peccare di troppo candore”. Riteneva che riponessi troppa fiducia negli altri e troppo poca in me stessa. Erano tutti mattoncini  mattoncini sul nuovo cammino che stavo intraprendendo».

L’articolo completo lo troverete sull’ultimo numero di Novella 2000 in edicola da oggi 23 novembre!

di Tiziana Cialdea

Michelle Hunziker
Michelle Hunziker
Michelle Hunziker

Michelle Hunziker parla del suo passato al Maurizio Costanzo e su Sanremo dice che…

Nella puntata di ieri sera (16 novembre) del Maurizio Costanzo Show tra gli ospiti c’era anche la bella Michelle Hunziker che oltre a presentare il suo libro “Una vita apparentemente perfetta” ha raccontato la sua esperienza.

Il conduttore ha prima presentato il suo libro e poi le ha chiesto di raccontare qullo che l’è successo: «C’è un libro: Una vita apparentemente perfetta di Michelle Hunziker che è molto quotata nel lavoro e mentre cresceva molto in realtà lei era vittima di una setta con una maga chiamata Clelia e in questo libro racconta con grande forza la fortuna di essere viva… Com’è successo?»

Così Michelle ha iniziato il suo lungo racconto: «Questa è una storia che appartiene al passato ero molto giovane, ero una preda facilissima e vulnerabile, perché avevo avuto, come tante altre persone, un vissuto di un certo tipo. A un certo punto mi ammalai, incominciai a perdere i capelli, a ciuffi proprio, e non riuscivo a risolvere questa situazione. Mi fecero conoscere questa pranoterapeuta e io volevo provarle tutte perché avevo questo disagio dato dal fatto che non parlavo più con mia papà da sette anni, perché soffriva di alcolismo. Questa donna estremamente intelligente, molto, molto abile a parlare, ma anche a darti delle risposte perché a quell’età ti fai un sacco di domande, mi fece due terapie e parlando, come avrebbe potuto fare uno psicologo, mi fece ritrovare mio padre. E quindi tornai da mio padre ed ebbi una grande gratitudine. Da lì, tra una pranoterapia e un’altra, comincio anche a chiedere dei consigli e lei diventò una sorta di consigliere, ci sono scivolata dentro. Oggi sono una donna fortunata ho una famiglia meravigliosa e avrei anche potuto tacere, però il mondo è veramente infestato da questa piaga, da queste sette, da questi maghi guru che oggi si fanno chiamare “life coach” e quando andate su internet e leggete questa parola scappate! Perché uno che ti chiede soldi per insegnare a vivere è già una fregatura!»

«Tu stavi con Eros Ramazzotti a quei tempi?», le ha chiesto Maurizio e la Hunziker:«Si, io avevo una vita apparentemente felice, ero felice ero mamma, ero innamoratissima avevo questo disagio dal passato che, però, io non riuscita a tirar fuori con un amico con una persona cara. La cosa che lo fanno, e per questo ho scritto questo libro per tutte le persone che hanno un familiare in una setta, o a coloro che possono ancora non cascarci è che loro ti riempiono di attenzioni: prima ti sommergono d’amore e ti fanno sentire importante, poi quando sei bella cotta iniziano a controllarti. Iniziano a punirti se non ti comporti come loro dicono che ti devi comportare ti lasciano da sola e il campanello d’allarme è quando ti allontanano da tutta la tua famiglia. Così allontanandoti da loro ti controllano. Ti dicono che tuo marito è negativo e che ti tradisce, che tua madre non ti ha mai voluto bene.Non sono riuscita a fare i conti di quanti soldi mi hanno preso. Loro parlano anche di energia materiale che ti devi purificare facendo delle donazioni a loro.»

«Un’ultima cosa: ma tu ti sei lasciata con Eros per questo?», ha concluso il conduttore: «Si è stata una storia di grande sofferenza per mia mamma, per il mio ex marito e per tutti coloro che mi amavano e che io ho amato e una storia che per fortuna ha un lieto fine. Io mi lasciai che eravamo in crisi e loro si sono intromessi e anziché aiutarci ci hanno divisi», ha confessato Michelle che ha poi ironizzato sulle voci che la vorrebbero a fianco a Claudio Baglioni come conduttrice della nuova edizione del Festival di Sanremo senza però rispondere…

Produzione riservata

Michelle Hunziker al Festival di Sanremo insieme a Claudio Baglioni?

La nuova edizione del Festival di Sanremo sta facendo molto discutere. Nonostante manchino più di tre mesi dal suo inizio, circolano già parecchie voci in merito. Dopo la conferma di Claudio Baglioni come conduttore ci sono parecchie indiscrezione in merito ad una sua possibile spalla. Secondo il settimanale Tv Sorrisi e Canzoni tra le persone che vedremo accanto del cantante sul palco dell’Ariston potrebbe esserci Michelle Hunziker. Stando a quanto si legge, la mitica conduttrice potrebbe essere al timone insieme a Baglioni delle cinque serate del Festival. Questa notizia chiaramente ancora non è stata né confermata né smentita. Se così fosse non sarebbe la prima volta per la Hunziker che già nel 2007 aveva condotto Sanremo insieme a Pippo Baudo.

Michelle sarà protagonista questa sera ( 16 novembre) al Maurizio Costanzo Show lo storico programma che prende il nome dal conduttore Maurizio Costanzo, in onda in seconda serata su Canale 5.

La Hunziker parlerà del suo nuovo librO, uscito da poco, che s’intitola “Una vita apparentemente perfetta” dove la conduttrice ha raccontato alcuni periodi anche bui della sua vita.  Si è parlato tanto in questi giorni di Michelle anche dopo la sua intervista a  Verissimo nella quale ha raccontato del difficile periodo che ha vissuto parecchi anni fa quando era devota ad una setta.

«Sono entrata in questa setta senza neppure accorgermene. Per controllarmi mi hanno allontanato dai miei affetti e fatto leva sulle mie debolezze. Mi filtravano le telefonate, non potevo parlare neppure con mia madre, che non ho visto per quattro anni (…) Mi mettevano in castigo, mi lasciavano sola. Minavano la mia autostima dicendomi che non avevo talento e che avevo successo solamente perché avevo intrapreso questo percorso spirituale. Mi hanno fatto lasciare la mia agenzia e convinta ad aprire una nuova società, finanziata totalmente da me. Ovviamente pagavo e davo da mangiare a tutti loro. Ad un certo punto mi hanno persino convinta a cedere tutte le mie quote a loro. Clelia mi disse che se me ne fossi andata dalla setta sarei morta», così ha raccontato Michelle Hunziker. 

Oggi che ha preso le distanze da queste dinamiche Michelle ha avuto il coraggio di raccontare nero su bianco la sua esperienza che per fortuna ha avuto un lieto fine.

Produzione riservata

Michelle Hunziker svela: “Clelia mi disse che se me ne fossi andata dalla setta sarei morta”

“A 14 anni ho smesso di parlare con lui. Avevo una ferita incredibile dentro che non volevo ammettere”, la Hunziker negli studi di Verissimo racconta il rapporto con suo padre. “Ho avuto un’infanzia difficile, come tante persone, con un papà che amavo tantissimo ma che purtroppo era alcolizzato. Poi, crescendo, ho iniziato a giudicarlo”. L’ex moglie di Eros Ramazzotti, lo ricordiamo, è stata prigioniera di una setta. Lo ha svelato a Silvia Toffanin. I suoi problemi legati al padre sono stati usati dalla pranoterapeuta Clelia e del suo clan per i loro scopi. Si tratta di una storia descritta nel libro autobiografico “Una vita apparentemente perfetta” in cui la conduttrice parla del lieto fine della vicenda.

“Sono entrata in questa setta senza neppure accorgermene. Per controllarmi mi hanno allontanato dai miei affetti e fatto leva sulle mie debolezze. Mi filtravano le telefonate, non potevo parlare neppure con mia madre, che non ho visto per quattro anni”. Dunque, regole ferree, una vita difficilissima.  “Mi mettevano in castigo, mi lasciavano sola. Minavano la mia autostima dicendomi che non avevo talento e che avevo successo solamente perché avevo intrapreso questo percorso spirituale. Mi hanno fatto lasciare la mia agenzia e convinta ad aprire una nuova società, finanziata totalmente da me. Ovviamente pagavo e davo da mangiare a tutti loro. Ad un certo punto mi hanno persino convinta a cedere tutte le mie quote a loro. Clelia mi disse che se me ne fossi andata dalla setta sarei morta”.

Tutto su Michelle Hunziker. Solare e autoironica, conduttrice televisiva, attrice, cantante, ballerina, doppiatrice, modella e mamma bis di due meravigliose figlie (Aurora e la piccola Sole), Michelle Hunziker si può definire una professionista dello spettacolo con la risata negli occhi. Nata a Soregno il 24 gennaio 1977 da madre olandese e padre svizzero-tedesco studia tra Berna, Zurigo e Solotuhrn fino ad ottenere il diploma al liceo Linguistico. Nel ‘93 lascia la Svizzera per l’Italia e viene scelta dalla Riccardo Gay per la storica campagna pubblicitaria “Roberta Intimo”. Dal ‘96 inizia la sua carriera televisiva.Viene notata da produttori italiani e debutta in televisione nel programma Paperissima Sprint di Antonio Ricci. Trova il successo conducendo il programma pomeridiano di Italia 1 Colpo di fulmine.

Negli anni successivi, oltre a condurre trasmissioni per televisioni tedesche come Deutschland sucht den Superstar, format teutonico di Pop Idol, e svizzere, conduce Zelig, Festivalbar, Paperissima e Striscia la notizia.Nella seconda metà degli anni duemila debutta anche come attrice, come protagonista della sit-com televisiva Love Bugs, attrice per alcuni cinepanettoni al fianco di Christian De Sica, e di alcuni spettacoli teatrali con la Compagnia della Rancia.

Produzione riservata

“Cotril” sostiene “Doppia difesa”, creata dalla Hunziker e Bongiorno

Una parata di vip alla Festa del Cinema di Roma. “Cotril”, da sempre dalla parte donne, soprattutto in momento come questo in cui il tema della violenza è tristemente più attuale che mai, ha deciso di rinnovare per la terza volta il suo sostegno a favore di Doppia Difesa, la fondazione creata da Michelle Hunziker e dall’Avvocato Giulia Bongiorno, con l’obiettivo di aiutare chi ha subìto discriminazioni, violenze e abusi ma non ha il coraggio, o le capacità, di intraprendere un percorso di denuncia.La Fondazione Doppia Difesa, impegnata contro la violenza sulle donne, presenta all’interno della Festa del Cinema di Roma il cortometraggio, prodotto da Camaleo/Rhino di Roberto Cipullo, Mario Pezzi e Alberto Salerno, UCCISA IN ATTESA DI GIUDIZIO, di Andrea Costantini, con protagonisti Ambra Angiolini e Alessio Boni, ispirato alla campagna lanciata da Doppia Difesa “ASPETTANDO SI RISCHIA LA VITA – Mai più donne che muoiono in attesa di giustizia”.Cotril ha sostenuto la realizzazione del corto, ha curato lo styling hair & make up degli artisti coinvolti durante le riprese e anche di alcuni ospiti della cena di gala che si è tenuta nella giornata del primo novembre a Roma, tra i quali l’attrice Giulia Elettra Gorietti, testimonial del brand. Dobbiamo dire che Michelle Hunziker si sta tanto da fare nel sociale: oltre alsuo impegno con “Doppia Difesa”, con il suo libro “Una Vita apparentemente perfetta” ha messo in guardia molte persone, tramite la sua esperienza, sulle sette e sul plagio che possono esercitare certi individui. E’ una battaglia molto importante a cui pochi pensano e , grazie alla popolarità e ai fatti a lei personalmente accaduti, non poteva avere testimonial migliore di Michelle Hunziker. Alla presentazione del cortometraggio Alessandra Amaoroso, Chiara Francini, Catrinel Marlon, Giulia Bongiorno,Raul Bova, Ariadna Romero, Alessio Bobi e naturalmente Michelle.

Produzione riservata

Aurora Ramazzotti: “Mamma è un generale”. Michelle Hunziker replica così!

<!– –>

«Mia madre è un generale, se si arrabbia e mi dà un ordine, non sto neanche a discutere ed eseguo»: la dichiarazione di Aurora Ramazzotti non è passata inosservata e mamma Michelle Hunziker ha deciso di metterla in riga. La primogenita della conduttrice, nata dal matrimonio con il cantante Eros Ramazzotti, l’ha descritta così sulle pagine del settimanale Grazia, aggiungendo: «Mio padre è una persona speciale e sensibile. L’unica volta che si è imposto è stato per una scelta professionale. Aveva ragione». Michelle ha deciso di prendersi una piccola rivincita, condivisa con tutti i suoi follower di Instagram in forma di video.

Il filmato inizia con Aurora che fa ritorno a casa della mamma, ignara del fatto che la troverà realmente nelle vesti di un militare: «Recluta Aurora Ramazzotti sugli attenti! Lei ha dichiarato su tutti i giornali che sua madre è un generale Glielo faccio vedere io un generale, adesso!», sentenzia Michelle. «Andiamo a ispezionare la sua camera!», intima alla figlia, che tuttavia replica immediatamente: «Veramente non abito più qui da due anni, mamma». Constatato che, dunque, non può esserci un’ispezione della camera, il generale Hunziker si inventa altre prove: la Ramazzotti deve fare le flessioni, quindi pulire il bidet con uno spazzolino da denti. Portati a termine i compiti, però, è il momento di tornare al ben noto rapporto tra mamma e figlia: «Ci guardiamo un film?», chiede Aurora. «Notthing Hill?», suggerisce la mamma, e le due si tuffano sul divano, pronte per la loro visione.

Il rapporto tra Michelle e la primogenita (la conduttrice ha avuto altre due bimbe dall’attuale marito, Tomaso Trussardi) è fatto di grande complicità: entrambe, in più di un’occasione hanno spiegato di avere un legame fortissimo.Aurora è abituata a essere sotto i riflettori praticamente da sempre e non sono mancati i momenti difficili: «Io ci sono cresciuta, sono abituata. Ma a 14 anni ho avuto il primo trauma: siamo state paparazzate insieme al mare, avevamo lo stesso costume e i commenti sui giornali non furono teneri: Aurora è più brutta di sua madre. A quell’età non è stata una passeggiata. Lei mi disse: “Fregatene”. Ma ora, se al mare vedo i fotografi, le dico di allontanarsi da me».

<!– –>

Produzione riservata