Renzo Arbore torna in televisione. Segnate queste date e mettetevi comodi sul divano!

Renzo Arbore torna in televisione con Indietro tutta. Due puntate speciali per festeggiare i 30 anni: in onda il 13 e 20 dicembre.

Renzo Arbore: simpatia, talento, improvvisazione e tanto altro. Chi lo conosce lo sa bene. Se solo potesse parlare lo share, che tutti oggi rincorrono… Di sicuro ci sarebbero picchi altissimi. I suoi programmi, dove sono nati talenti come Frassica, sono stati seguitissimi per anni ed anni. Oggi Arbore, ad 80 anni compiuti lo scorso giugno, torna in tv. Quella tv tanto diversa, cambiata, ma che lui continua a guardare ed imitare.

Renzo Arbore e Nino Frassica celebrano su Rai2 i trent’anni di Indietro tutta. Due serate, il 13 e il 20 dicembre, con Andrea Delogu che racconterà alle nuove generazioni l’umorismo e la satira che hanno fatto la storia della tv italiana

“Indietro Tutta 30 e l’ode” sarà un’occasione per ricordare a chi quella stagione l’ha vissuta cosa è stato un programma al tempo stesso popolare, nazionale, ma anche ricercato e molto amato dalla critica. Ma queste due puntate potranno anche insegnare a chi quel periodo non l’ha vissuto cos’era la televisione degli anni ’80. Una televisione – e una trasmissione – capaci di incidere sul costume italiano, anche, come nel caso del format di Frassica e Arbore, con i tormentoni e modi di dire”, hanno raccontato a L’huffingtonpost.it i due artisti.

Renzo Arbore spegne 80 candeline e si sente un ragazzino. Ecco perché

Arbore è unico. Inimitabile, anche se molti (forse tutti) hanno preso spunto da lui e dal suo genere. “Sono sempre stato alternativo. Ho fatto l’altro cinema, l’altro teatro, l’altra televisione, l’altra radio, l’altra canzone napoletana e quindi farò anche ‘l’altro compleanno’, come se fossi un cinquantenne, e ricomincerò da capo”, ha raccontato Renzo Arbore all’Ansa tempo fa.

Qual è la ricetta per fronteggiare l’età che avanza? “Suonare e cantare in giro per il mondo con l’Orchestra italiana perché la musica mi mantiene giovane”. Dopo due perdite incolmabili come quella dell’amata Mariangela Melato e quella del grande amico di sempre Gianni Boncompagni, Arbore trova nelle sue passioni l’elisir per mantenersi in forma. “Never give up, dicono gli americani, o meglio The show must go on. Bisogna andare avanti comunque”, dice, con un velo di malinconia. Oltre all’ironia e alla nobile arte del cazzeggio esercitata con gli amici di una vita e compagni di avventure televisive indimenticabili come Quelli della notte e Indietro tutta, è la tournee con l’Orchestra italiana il suo toccasana.

“La musica mi mantiene giovane – ha spiegato – perché quando stai su un palco non c’è niente da fare: devi suonare il clarinetto, devi avere il fiato per far squillare alcune note e poi devi cantare le canzonette della tua adolescenza, lo swing, la musica che ti piace”. E’questa, conclude scherzando, “la ricetta per combattere la gotta, per esempio, che fortunatamente non ho. Io pavento sempre la gotta continua… Una vecchia formula di tanti anni fa, che ora non c’è più… Ma adesso potrebbe esserci un altro movimento di questo tipo”.

LEGGI ANCHE – Nino Frassica e Novella Bella per iniziare bene la domenica!