Francesco Arca: un papà “modello”…

L’articolo Francesco Arca: un papà “modello”… è di proprietà di Novella 2000. Riproduzione Riservata.

Con il suo sguardo ha fatto impazzire tantissime donne. Difficile resistergli. Stiamo parlando di Francesco Arca.
Fisico scultoreo pieno di tatuaggi, voce profonda e inconfondibile. È tra i concorrenti della nuova edizione di Pechino Express, condotto su Rai2 da Costantino della Gherardesca e iniziato il 13 settembre scorso.
In tutto il viaggio, dalle Filippine al Giappone, lo vedremo spesso a torso nudo, magari sudato, che fa tanto
macho. Donne, non fatevi strane idee però: è super innamorato di Irene Capuano, che lo ha reso padre
due anni fa.
«Da quando è nata mia figlia Maria Sole sono rinato anch’io e ho iniziato a dare un senso alla parola amore», aveva raccontato negli studi di Silvia Toffanin. Insomma, è un Arca impegnatissimo e fedele quello che abbiamo imparato a conoscere negli ultimi tempi, grazie alle tantissime foto che pubblica sui social.
Nel suo passato, love story con donne famose e bellissime come Anna Safroncik, Luisa Corna e Laura Chiatti (con la quale continua ad avere un ottimo rapporto). Ma quella sua prima vita, decisamente rock, è ormai acqua passata.
Dimentichiamoci l’Arca bello e dannato. Ora è tutto famiglia e lavoro. Appunto, lavoro: cosa combinerà in coppia con il suo collega attore Rocco Giusti su Rai2? Per lui è la seconda esperienza in un reality, dopo La Fattoria, cui aveva partecipato nel 2006. Quello che sta vivendo è a tutti gli effetti un ritorno al piccolo schermo, dopo l’esperienza al cinema in Allacciate le cinture, di Ferzan Ozpetek, film in cui fece scalpore la scena di sesso sulla spiaggia con
Kasia Smutniak. Qualcuno, addirittura, parlò di un fl irt, prontamente smentito dai due. Era il 2014.
Poi sono arrivate le fi ction: Il Bello Belle Donne… alcuni anni dopo, accanto a Federica Nargi, Don Matteo 7, Che Dio ci aiuti e Rex. E ora, l’Estremo Oriente.

Produzione riservata

L’articolo Francesco Arca: un papà “modello”… è di proprietà di Novella 2000. Riproduzione Riservata.