Michelle Hunziker e Aurora Ramazzotti: tacchi assassini

L’articolo Michelle Hunziker e Aurora Ramazzotti: tacchi assassini è di proprietà di Novella 2000. Riproduzione Riservata.

Michelle Hunziker, 41 anni, sul palco dell’Ariston, è stata l’anima femminile di questo 68° Sanremo. Sempre sorridente, per alcuni troppo sorridente. Sul palco è rimasta fintamente incastrata con il tacco mentre rendeva omaggio a Mina (nientedimeno!)cantando E se domani. Il prode co-conduttore Pierfrancesco Favino, 48, gattonando come un bimbo, è subito corso in suo soccorso con […]

L’articolo Michelle Hunziker e Aurora Ramazzotti: tacchi assassini è di proprietà di Novella 2000. Riproduzione Riservata.

Fiorello svela chi l’ha convinto a partecipare al Festival di Sanremo

L’articolo Fiorello svela chi l’ha convinto a partecipare al Festival di Sanremo è di proprietà di Novella 2000. Riproduzione Riservata.

Fiorello è stato una delle star più attese dell’ultima edizione del Festival di Sanremo appena conclusa. Il grande showman ha polarizzato l’attenzione del pubblico con il suo umorismo e la sua presenza scenica. In una recente intervista Fiorello ha svelato chi l’ha convito a partecipare di Sanremo 2018: «La mia partecipazione a Sanremo? È merito […]

L’articolo Fiorello svela chi l’ha convinto a partecipare al Festival di Sanremo è di proprietà di Novella 2000. Riproduzione Riservata.

La Hunziker a Le Iene parla di Sanremo: «Il momento più brutto è stato…»

Michelle Hunziker è stata una delle protagoniste della 68esima edizione di Sanremo. Unica presenza femminile sul palco dell’Ariston ha affiancato, insieme a Pierfrancesco Favino, Claudio Baglioni conduttore e direttore artistico del Festival.

Solare, magnetica e bellissima Michelle ha convinto sia il pubblico che la critica raggiungendo a pieni voti il consenso dei più. Ieri sera (11febbraio) è andata in onda a Le Iene una sua intervista fatta subito dopo la fine del Festival, dove la bella svizzera ha svelato qualche dettaglio della competizione ed ha commentato questa impegnativa, ma emozionante esperienza. «E’ andato benissimo il Festival. Il momento più brutto è stato quando mi sono resa conto che il mio piede destro era diventato uno zampone tale che e non riuscivo a infilare la scarpa con l’alluce valgo. Il momento più bello, invece, quando ho potuto realizzare il mio sogno di portare la femminilità sul palco con il numero delle donne», ha commentato lei. «Te l’aspettavi la vittoria di Ermal Meta e Fabrizio Moro?», le hanno chiesto. «Assolutamente si», ha risposto lei.

E poi ha svelato che la sua canzone preferita è proprio quella di Ermal Meta e Fabrizio Moro che ha vinto il Festival.  Ad emozionarla di più il giovane Ultimo, vincitore per la categoria giovani: «Il cantante più bravo per me è Ultimo, mi emoziona. Nessun cantante se la tira, quando arrivi sul palco di Sanremo…». Il suo ospite preferito è stato i grande Pippo Baudo al quale è molto legata e si era trovata con lui sempre nello stesso palco undici anni prima: «Per me è stato Pippo Baudo, molto emozionante ma veramente quasi commosso».

Sui suoi due compagni d’avventura invece ha detto: «Baglioni è un preciso è proprio peggio di me, uno guarda qualunque cosa infatti la cosa bella è che poi si è totalmente lasciato andare. Favino non ha un difetto è pazzesco è uno che sa fare tutto. Io se devo iniziare con la lista dei miei difetti non finisco più».

Michelle ha dichiarato che è stato un’esperienza bellissima e che non si è mai arrabbiata a parte il suo alluce valgo: «Non mi sono inca**ata nemmeno una volta. L’unica cosa pazzesca sono questi piedi e il mio alluce valgo».

Interpellata sulla sua famiglia la Hunziker ha ribadito l’amore che la lega a suo marito Tomaso Trussardi e alle sue figlie. E sulla tanto chiacchierata eventualità di avere il quarto figlio ha ribadito le sue intenzioni: «A me piacerebbe molto magari ci riproverò, chi lo sa però sarebbe bello. Magari non arrivo il maschio e faccio un’altra femmina».

LEGGI ANCHE:

Michelle Hunziker regina di Sanremo: tutti gli abiti più belli che ha indossato durante…

Guarda il video di Michelle a Le Iene

Arriva una romantica dedica per Ermal Meta, vincitore di Sanremo

L’articolo Arriva una romantica dedica per Ermal Meta, vincitore di Sanremo è di proprietà di Novella 2000. Riproduzione Riservata.

La 68esima edizione del Festival di Sanremo si è conclusa da due giorni con la vittoria di Ermal Meta e Fabrizio Moro che hanno vinto  il primo premio per la categoria big con il brano “Non mi avete fatto niente”. La loro partecipazione è stata sin dall’inizio parecchio discussa perché accusata di violare il regolamento […]

L’articolo Arriva una romantica dedica per Ermal Meta, vincitore di Sanremo è di proprietà di Novella 2000. Riproduzione Riservata.

Sabrina Impacciatore “la seconda donna” di Sanremo che ha conquistato il pubblico e la critica

Se Michelle Hunziker è stata l’una presenza femminile che ha dominato il palco dell’Ariston durante il Festival di Sanremo, Sabrina Impacciatore lo è stata nel dopo Festival, l’appuntamento divertente e ironico in onda in seconda serata, dopo la competizione.

Sabrina Impacciatore è un’attrice italiana di successo con una personalità magnetica e una grande verve. Simpatica e auto-ironica per tutte e cinque le serate del Festival ha tentato di essere la “quarta presentatrice” divertendo il pubblico con questo simpatico tormentone. Durante l’ultima serata, l’attrice è salita sul palco dell’Ariston con un voluminosissimo ed elegante abito a balze, piccolo particolare:  è caduta a terra, scivolando su tacchi altissimi. Una scena comica da molti interpretata come una gag organizzata a tavolino da lei e i presentatori che l’hanno aiutata a rialzarsi. In realtà nulla è stata preparato e Sabrina è inciampata per davvero. In quell’occasione l’attrice mentre scendeva le tanto temute scale aveva detto di aver  “coronato un sogno”, ovvero condurre il Festival di Sanremo indossando un abito da principessa. Lo stesso Claudio Baglioni ironicamente ha affermato che lei era  “la quarta conduttrice”, la quale ha prontamente risposto con una battuta hot “Facciamo una cosa a quattro”.  Un momento simpatico che ha fatto sorridere l’Ariston e il pubblico a casa. Sabrina è una donna eccentrica e carismatica che ha piacevolmente colpito i telespettaori. Durante il Festival anche lei ha indossato degli abiti elegantissimi con colori forti e fantasie vivaci delle migliori maison di moda come: Missoni,  Raviolina Roma, Atelier Emé,  Alberta Ferretti e Sandra Mansour.

Biografia Sabrina Impacciatore

Di origine Romana, ha seguito corsi di recitazione presso l’Actors Studio di New York e a Roma con Cosimo Cinieri, Lucia Poli, Francesca de Sapio, Michael Margotta, Jack Waltzer. Scoperta da Gianni Boncompagni che la lancia come ragazza pon pon a Domenica In per poi  lavorare nella redazione di Rock ‘n’ Roll (1993), uno spin-off di Non è la RAI, programma al quale prende parte dal 1993 al 1994 curando l’angolo della posta, del dibattito con le ragazze del programma e interpretando alcuni sketch comici; all’interno del programma ha anche interpretato due pezzi come cantante e condotto il gioco di uno sponsor. Nel 1997 torna in TV interpretando il ruolo di “Darla” in Macao, sempre con Boncompagni. Negli anni 2000 ha condotto su LA7 la trasmissione La valigia dei sogni, e nello stesso periodo, con il film …e se domani, ha vinto il premio come migliore interpretazione femminile al Festival di Annecy. Sempre all’inizio del III millennio ha partecipato a varie trasmissioni televisive interpretando personaggi irriverenti, tra cui una parodia di Lara Croft, protagonista del celebre videogioco Tomb Raider, in programmi come Ciro presenta Visitors. Interpreta inoltre ruoli in radiodrammi o radiosceneggiati. Nel 2001 ha vinto al Flaiano Film Festival come migliore attrice non protagonista per L’ultimo bacio. Nel 2008 ha recitato nel videoclip Drammaturgia del gruppo musicale rock italiano Le Vibrazioni, e ha inoltre ricevuto due candidature di fila ai David di Donatello come migliore attrice non protagonista: una nel 2007 per N (Io e Napoleone) e l’altra nel 2008 per Signorina Effe. Nel 2009 è inoltre protagonista nella miniserie televisivaDue mamme di troppo, su Canale 5Nel 2010 torna sul grande schermo con il film Baciami ancora di Gabriele Muccino, ed è scelta come conduttrice del Concerto del Primo Maggio, prima donna in assoluto nella storia della manifestazione. Nel giugno dello stesso anno partecipa a La camera scura, una mostra di foto d’attori, organizzata da Amnesty International e presentata a Roma, per dire no alla pena di morte; nello stesso anno recita nel film Diciotto anni dopo, mentre dodici mesi dopo è nel cast di Una donna per la vita. Tra il 2013 e il 2015 è poi tra le protagoniste delle pellicole Amiche da morirePane e burlesque e Sei mai stata sulla Luna?

La vedremo nuovamente al cinema con il film di Gabriele Muccino “A casa tutti bene”.

Pierfrancesco Favino ospite a “Che tempo che fa”: «Non rifarò Sanremo…»

Il Festival di Sanremo continua ad essere il protagonista delle scene televisive. Dopo la finale di sabato sera (10 febbraio) ieri tutti i programmi televisivi hanno commentato la 68esima edizione della competizione, la conduzione e i vari cantanti che hanno partecipato.

Nella puntata di Che tempo che fa di ieri sera (domenica 11 febbraio), tra gli ospiti di Fabio Fazio c’era Pierfrancesco Favino co-conduttore che ha affiancato Claudio Baglioni insieme a Michelle Hunziker nella conduzione del Festival.

L’attore ha dimostrato, oltre che di avere un grande talento, di essere all’altezza della situazione ed ha raccontato l’immensa emozione che gli ha donato la settimana sul palco dell’Ariston, confessando di essere ancora frastornato: «In questo momento non so dove sono. Non ho capito nulla! A Sanremo c’è un’adrenalina costante, è un’esperienza assolutamente unica, coinvolgente», ha raccontato Favino.

Abituati a vedere Favino nelle sale cinematografiche è stata la rivelazione del Festival che ha piacevolmente colpito il pubblico rimasto entusiasta dalla sua bravura. «Quando mi è stato offerto avevo paura. Poi mi sono accorto che le paure non erano le mie, erano paure del giudizio. Ho capito che dentro di me c’era un istinto più forte della ragione. Poi, quando sono salito sul palco, il rapporto con il pubblico è stato da subito molto naturale», ha confessato lui.

Al pensiero di poter fare il bis e tornare l’anno prossimo a condurre il Festival, Favino ha le idee e chiare in merito e la sua risposta è un secco “no”. Durante l’ospitata a Che Tempo che fa, l’attore ha speso due parole anche per i suoi compagni di avventura, ovvero Claudio Baglioni e Michelle Hunziker.

Tra i tre presentatori si è creato subito feeling è stato evidente in tutte le cinque serate dal Festival. Per Claudio Baglioni, Favino ha speso parole piene affetto: «Claudio lo ringrazierò soprattutto umanamente. Lui ha una capacità di prendersi in giro, di prenderti in giro. E di mettersi da parte, che non è da tutti per una popstar. Un musicista straordinario, ma soprattutto una persona straordinaria». Della Hunziker, invece, ha detto: «Michelle è stata una colonna. Mi manca!».

Uno dei momenti più belli di tutto il Festival di Sanremo è stato sicuramente il monologo, di Bernard-Marie Koltès, che l’attore ha dedicato ai migranti (e non solo). Un’interpretazione magistrale che ha toccato e commosso tutto il pubblico: «Non si tratta di un testo soltanto sull’immigrazione, ma sul diverso, sull’estraneità. Volevo raccontare il disagio dei migranti politici ed economici, come i nostri giovani costretti ad andar via di casa», ha spiegato Favino. Ma anche il ballo con Michelle Hunziker sulle note di Despacito e gli sketch comici, sono state occasioni in cui Favino ha dimostrato di possedere una grande talento a 360°.

Tutto su Ermal Meta e Fabrizio Moro i vincitori del Festival di Sanremo

L’articolo Tutto su Ermal Meta e Fabrizio Moro i vincitori del Festival di Sanremo è di proprietà di Novella 2000. Riproduzione Riservata.

Ermal Meta e Fabrizio Moro con il brano “Non mi avete fatto niente”, sono i vincitori della 68esima edizione del Festival di Sanremo, la storica competizione musicale che si è conclusa ieri sera (10 febbraio). Il loro brano ricorda l’attentato terroristico di Manchester  al concerto della popstar americana Ariana Grande, e cita anche altri attentati  degli […]

L’articolo Tutto su Ermal Meta e Fabrizio Moro i vincitori del Festival di Sanremo è di proprietà di Novella 2000. Riproduzione Riservata.